L'ARTEALUNGACONVERSAZIONE

L'Arte A Lunga Conversazione è un evento collaterale del Dolomiti Blues&Soul festival.

 

Nato nel 2008, è una mostra d'arte contemporanea ed un contenitore di eventi artistico/culturali. Ha luogo ogni anno nel mese di luglio durante il festival.

L'Arte A Lunga Conversazione 10a edizione

Piano terra Asilo Vecio, San Vito di Cadore

> TRATTEGGI NELTEMPO personale di Emiliano Antonetti dal 15 al 29 luglio;

> RETROSPETTIVA: UN VIAGGIO NEL COLORE E NELLA MATERIA personale di Nicoletta Belli, dal 1 al 26 agosto;

> LA MONTAGNA IMMAGINATA collettiva a cui partecipano 16 artisti, dal 1 al 26 agosto.

TRATTEGGI NELTEMPO 

personale di Emiliano Antonetti dal 15 al 29 luglio

Emiliano Antonetti, anno di nascita 1974. Più che al Liceo e all'Accademia (frequentati dal 1988 in poi), considero la mia vera formazione nell'ambito artistico e artigianale, legata alla professione di decoratore pittorico, che svolgo da circa vent’anni.
"I lavori che propongo in questa sede, sono frutto di anni di impegno e dedizione. La penna a sfera mi offre infinite possibilità. Traggo ispirazione sia da elementi naturali che da manufatti. Il lungo e lento lavoro che ogni opera richiede può essere considerato il valore aggiunto. Un mantra, o una preghiera laica, che alle volte esula dal soggetto rappresentato. In alcuni casi, questi sono un pretesto, quasi che voglia, il tratteggio infinito, essere il tema principale.
I tessuti e gli alberi sono i temi al quale rivolgo attenzione e interesse. Questi hanno numerosi rimandi simbolici. Se penso al tessuto, lo percepisco come moltiplicatore di illimitate possibilità, ma anche come una prigione, dalla quale è impossibile evadere. Negli alberi, la magnificenza della natura in cui perdersi è inevitabile."


Orari mostra : 17.00 - 20.00 tutti i giorni

RETROSPETTIVA: UN VIAGGIO NEI COLORI E NELLA MATERIA

Personale di Nicoletta Belli dal 1 al 26 agosto

 

“Un viaggio nei colori e nella materia” esprime pienamente la sostanza del percorso artistico di Nicoletta Belli, quel senso innato della forma e del colore che attraverso il segno raggiunge l’essenza della realtà percepita e la indaga scomponendola nei suoi costituenti geometrici e nei contorni che ne riproducono la cornice effettiva o ideale che la identifica. La volumetria ottenuta dalla definizione delle sfumature, dalle luci e dalle ombre, è in seguito anch’essa scissa in accostamenti tonali o complementari che accendono di luminosità le cromie contigue, distinte in campiture delimitate nello spazio ben delineato di quadrati, rettangoli losanghe. I soggetti vengono destrutturati e in qualche modo svuotati della loro materia, giustapposti ad essa e indagati da prospettive differenti e punti di vista i quali sommandosi danno vita a un gioco di vibrazioni e sovrapposizioni, movimento che mira a coglierne l’aspetto più intimo e autentico. 
Un’astrazione che è al contempo avvicinamento sensibile e attento al reale, volontà di penetrare oltre la superficie per arrivare a una sintesi che coniuga comprensione razionale ed empatia, un’armonia che nasce da arpeggi che muovono le loro ritmiche cadenze da un’intuizione più profonda dell’essere. 
29.05.2018 Maria Palladino 

Inaugurazione 1 agosto ore 18.00

Orari mostra : 17.00 - 20.00 tutti i giorni

DIARIO DI UNA PAUSA

Presentazione, tra chiacchiere, letture, musica e immagini del libro di Feliciano Casanova De Marco : Diario di una pausa.

Feliciano Casanova De Marco
Laureatosi in Scienze per la formazione dell’infanzia e della preadolescenza, successivamente consegue la Laurea Magistrale in Teorie e metodologia dell’E-Learning e della Media Education, sempre all’Università di Padova. Attualmente è Docente di scuola elementare. Nel 2015 si è classificato al primo posto al concorso al Premio di narrativa “Giuliana Pellegrini” di Gemona del Friuli.
Diario di una pausa, secondo classificato al concorso al “Premio Lorenzo Da Ponte” 2017 indetto dalla casa editrice Diastena, è la sua prima pubblicazione. 

 

29 luglio 2018 Mansarda G.Belli Asilo Vecio San Vito di Cadore ore 21.00

 

DA UN INCONTRO DI KATUSCIA DA CORTE CON CHANDRA LIVIA CANDIANI: DA COSA NASCE COSA.

"Durante una sua visita a San Vito di Cadore, ho conosciuto la poetessa Chandra L. Candiani e le ho chiesto di poterla filmare mentre definiva il significato di alcune parole,presenti nella sua poesia, secondo la propria particolare sensibilità. Ho ottenuto così un piccolo prezioso vocabolario personale, sonoro e visivo, capace di toccare corde profonde, ovvero...la precisione della poesia." 
Katuscia Da Corte

 

19 agosto 2018 Mansarda G.Belli Asilo Vecio San Vito di Cadore ore 21.00

 

Dolomiti Blues&Soul festival

il Cineforum

L'Arte A Lunga Conevrsazione

Club56 LiveMusic&Atmosphere

SanVito Blues&Soul Associazione Culturale

sede legale: Via Pelmo 22/a

sede operativa: Corso Italia 49 - tel +39 338 3801755

32046 San Vito di Cadore - Dolomiti BL  

C.F. 92015290254 P.I. 01037200258

  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Instagram Social Icon